venerdì 25 marzo 2011

Fantasie al 100%

In questo momento ho sentito il bisogno di staccarmi un attimo dal lavoro, sto leggendo il Testo Unico della tutela della salute e sicurezza sul lavoro e vi assicuro che è piombo colato, la mia mente torna a fantasticare su come vorrei essere ora, seduta sul divano a casa mia a prendere il tea magari con Stuarda e Guerre, io sul divano e loro sulle poltrone chiacchierando del più e del meno. Io indosso solo uno scamiciato, sono a piedi scalzi e sotto non porto nulla, e  mentre si spettegolezza inizio a toccarmi davanti a loro, le mie amiche non fanno una piega, guardano le mie gambe aprirsi e le mie grandi labbra coccolate dalle mie dita fare capolino, il discorso continua serenamente come se nulla fosse.

Sul centrotavola di cristallo c’è una varietà di vibratori, sono sempre lì a portata di mano perché il mio gioco spesso lo svolgo sul sofà, io parlo con loro e ogni tanto un gemito si infila tra le mie parole.
“Scusatemi… è che inizio a sentire qualcosa” dico alle amiche
“Figurati Chiara” risponde Stuarda sorridendo
“Mi hai fatto venire voglia Chiara” dice Vuerre di rimando
“Serviti pure” le dico indicando i vibratori sul tavolino.
Lei li squadra poi ne sceglie uno con attenzione, lo accende e per liberarsi le mani lo tiene in bocca. Con le mani libere poi si sbottona la camicia e libera i suoi seni prosperosi dal reggi, sono belli, i capezzoli ben pronunciati, prende il vibro e inizia a stuzzicarsi le tettone tenendone una sul palmo della mano, intanto continuiamo a dialogare.
I gemiti intanto vanno moltiplicandosi ma non interferiscono minimamente, sono parte integrante delle nostre parole.
Stuarda sorseggiando il te ci osserva compiaciuta.
“Alternati Vuerre, non fare tutto su un seno solo” dice Stuarda all’amica.
“Pensa alla tua figa invece di dirmi quello che devo fare” le risponde sfottendola.

Io sempre sul divano ascolto i loro intrallazzi  e invito Stuarda a mettersi vicino a me, le mie grandi labbra sono un sogno così bagnate.
Stuarda si sieda accanto me e io le dico di mettersi comoda, coricata. Lei obbedisce, io scendo dal divano e mi metto in ginocchio ai suoi piedi, la faccio mettere supina e le tiro su la gonna, lei mi viene incontro alzando il bacino dal sofà.
Il suo culo adesso è scoperto, porta solo un perizoma nero, Vuerre lo guarda e nota i suoi glutei arrossati, strisce rosse e rigonfie vanno ad incrociarsi sul suo culo tondo.
“Hai fatto un gioco serio vedo” dice l’amica a Stuarda, lei conferma silenziosamente con un sorriso.
Io sempre in ginocchio per terra le scosto il perizoma per liberare le labbra, Stuarda fa scivolare una gamba per terra per poter divaricare le cosce, la sua figa è completamente rasata, carnosa, le labbra si sovrappongono, con la mano destra inizio a masturbarla, la sua vulva diventa viscida e le dita scorrono meravigliosamente, ho sempre trovato eccitante masturbare una mia simile, farla godere con le mie mani, e poi ho sempre avuto un punto debole per lei perché è una delle donne più affascinanti che conosco.
L’altra mia mano libera continua invece ad esplorare le mie fessure, a titillare il clito sensibile.

Sto dando di spalle a Vuerre, mi giro e la vedo a trafficare con il vibro nella sua vagina versatile, i suoi seni pendono superbamente, dio che belli.
Stuarda e con la testa girata verso di me sul bracciolo del sofà, parla con gli occhi chiusi, vedo che apprezza i miei giochi, di tanto in tanto mi dona un lungo sospiro.

Devo purtroppo interrompere le mie fantasie perché il telefono mi perseguita, il responsabile mi sollecita i documenti da firmare… mi dispiace non portare a termine il mio racconto… fate voi il resto con le vostre fantasie.

Stuarda, Vuerre… perdonatemi se vi ho coinvolte ma spesso spaziate nella mia mente, chissà… un giorno potrebbe diventare tutto realtà.

8 commenti:

  1. un bel triputio, quand'è che riprendi questa fantasia? Sono curiosa.

    RispondiElimina
  2. sarei curiosa di sapere come hai immaginato la mia vagina ... versatile! :-)grazie del pensierino, molto eccitante!

    RispondiElimina
  3. Vu tesoro!
    se tanto mi da tanto... ne son successe di cose tra le tue gambe :-)
    almeno i tuoi racconti dicono quello.

    mi manchi

    Chiara

    RispondiElimina
  4. Marla ciao!
    La curiosità è femmina oppure c'è anche un pizzico di interesse?

    Sarebbe carino farci una "pizza" insieme e approfondire. ;-)

    Ti bacio
    Chiara

    RispondiElimina
  5. Beh sì, la curiosità è femmina, e grazie alla curiosità, creiamo questi splendidi pensieri eccitanti! Riusciamo ad immaginare cose che ci fanno ringarzullire ^_^

    RispondiElimina
  6. splendida come sempre....complimenti
    Kirk71

    RispondiElimina
  7. mmmm...
    l'ho ho già visto questo film... con te;-))

    RispondiElimina
  8. Antonellina! Ciao bimba
    Fatto i compiti? ;-)

    RispondiElimina