lunedì 5 luglio 2010

Confidenze


I nomi che compariranno su questo scritto sono di pura fantasia, gli episodi tutt’altro, di erotico c’è veramente poco ma volevo condividere con voi alcune confidenze:


Sono molti gli anni che lavoro in quest’azienda, le occasioni di condividere confidenze con colleghe e colleghi non sono state poche, alcune di queste persone sono ancora presenti al lavoro, altre invece sono andate in pensione.

Ricordo anni fa che Francesco mi confidò di avere una relazione con una ragazza delle pulizie, iniziarono a flirtare prima innocentemente poi arrivarono a scopare in ufficio quasi ogni giorno dopo le 17.00, quando i colleghi uscivano e rimaneva lui in attesa di Lucia, lei arrivava col camice azzurro ma senza nulla sotto, era un ufficio particolare che non sto a descrivere, dico solamente che la porta rimaneva sempre chiusa e che per entrare bisognava suonare, Lucia lasciava cadere il suo camice lasciando vedere le sue piccole tette e la figa ben pronunciata… iniziavano col sesso orale, a volta anale o le classiche scopate. Francesco raccontava sempre i suoi episodi a me, diceva che era splendida quando facevano sesso, che a differenza di sua moglie lei beveva sempre il suo latte. Lucia poi venne trasferita e tutto si spense.

Un giorno di fine estate Anna, una mia collega, mi raccontò che, quando ritornò da Cefalù, rimase sconvolta in quei giorni passati al Med, aveva appena divorziato e si organizzò con un’altra collega, Isabella, per andare lì a passare 2 settimane al mare, si resero conto solo una volta arrivate che quel posto era meta di scambisti e donne affamate in cerca di sesso, parlando con gli abituè venne fuori il nome della città dove lavoravano e anche il nome dell’azienda… il coordinatore del Med allora rivelò ad Anna che proprio la settimana precedente era presente una certa Liliana con tanto di cognome, che lavorava nella stessa città e nella stessa azienda e che aveva fatto strage di tutti i maschi arrivando anche a fare sesso a 4 con tanto di doppia penetrazione, Liliana è presente ancora adesso in azienda e mai e poi mai mi sarei immaginata che facesse la troia mangiacazzi in un villaggio turistico, lei è tuttora ignara della mia conoscenza sulle sue avventure hard, la incontro spesso al caffè con l’aria da santarella.

Il mondo è davvero piccolo… nei mesi successivi butto l’occhio sugli annunci gratuiti di “Leggo” dove c’è scritto più o meno “un bacio alla seducente viaggiatrice che ho visto ieri sulla linea 51 extraurbana, bellissima la tua maglietta trasparente con scritto “kiss me here” poi seguiva il suo indirizzo mail”. Proprio il giorno prima avevo addosso quella maglietta ed ero sul 51, per farla breve ho scritto a questo spasimante e sono venuta a sapere che si vede con una mia collega (tra l’altro dello stesso ufficio di Liliana) scopano spesso e volentieri in un motel ad ore, la mia collega è sposata ed adesso in pensione. Ho ancora i video che il tizio mi ha mandato di quando facevano sesso… era davvero lei, attraente con le autoreggenti e tacchi alti, figa rasata e reggiseno a balconcino mentre gode come una cagna, attente ragazze a mandare materiale compromettente a sconosciuti… il mondo è davvero piccolo.

Parliamo di Carla che adesso è in pensione, gran bella donna seducente, vestiva sempre con abiti vertiginosi, trucco sempre ben curato, venne fuori che lei nella pausa pranzo andava a fare numeretti con i giovani girando video amatoriali in un alloggio, nessuno mi confermò questo ma la leggenda persiste tuttora.

Potrei scrivere all’infinito altri episodi ma chiuderò queste mie riflessioni con la storia di Antonella, over 50, ancora presente in azienda, sono venuta a sapere che negli anni 70 aveva girato un film naziporno, l’ho cercato su Emule e l’ho scaricato, era davvero lei con le sue tette prosperose e con ancora la figa pelosa in scena su quel film senza ne testa ne coda, solo troiate.

Lavoro in un’azienda evoluta dove non siamo in poche come dipendenti, mi chiedo se gli ambienti di lavoro siano tutti simili, certo anch’io ho i miei capricci sul sesso da soddisfare, non lo nego. Chissà quante altre colleghe hanno vissuto o stanno vivendo esperienze analoghe.

Mi spiace per voi mariti che se per caso inciamperete su questo mio scritto non resterete soddisfatti a leggerlo ma questa è la realtà.

4 commenti:

  1. invece mi piace tantissimo .......ho un paio di amici e amiche a cui è successo una cosa simile ......un salutone acquachiara bellissimo ah ah ah

    RispondiElimina
  2. Io sono un marito.... per anni consulente di un'azienda per la quale ora sono una specie di dipendente...
    Per anni ho flirtato con la responsabile dell'ufficio commerciale.... spesso la invitavo a pranzo.... e mano a mano il mio desiderio di lei si faceva più forte.....
    Io sopra i quaranta... ben tenuto ma con la pancetta e i capelli bianchi... lei splendida quarantenne, vivava sola, ma da quello che mi raccontava con una vita sociale molto intensa..... mai avrei immaginato che una sera, soli nel mio ufficio.... si sedese in braccio a me, tirandosi su la sua ampia gonna nera... e con un filo di voce mi sussurrasse all'orecchio...
    "voglio fare lìamore con te....."
    e da quel momento sono state ore e giorni di intensa passione......

    RispondiElimina