lunedì 14 giugno 2010

Caro vecchio divano


Scritta con mani tremanti e senza veli sul mio divano:






Caro vecchio divano
Compagno fedele dei miei dolci momenti
Quante ne hai viste, quante ne hai vissute
Se la tua pelle potesse parlare
Se i tuoi cuscini potessero esprimersi
Quante le fiabe che potrebbero narrare.

Conosci i miei movimenti
Conosci le mie posizioni
Attendi paziente i miei glutei sopra i cuscini
E osservi le scene ogni volta simili ma ogni volta diverse.

Capisci i miei versi, le mie grida di piacere
Quando al culmine dei giochi
Firmo con le mie gocce sulla tua pelle
Suggellando così questi attimi goduti insieme a te.

E attendi paziente il nuovo giorno
Il nuovo gioco che si ripeterà all’infinito nei miei giorni

Caro vecchio divano

2 commenti:

  1. un divano animato che raccoglie le fantasie e le confidenze .....singolare
    luth

    RispondiElimina
  2. comprendo benissimo queste favolose righe che hai scritto... Il divano per me, è complice di alcuni momenti di solitudine, ma anche compagno di avventura. un amico fidato che ti coglie sempre a braccia aperte.
    Kiss
    D.

    RispondiElimina